Perché siamo il numero 1 per le tue vacanze alle Mauritius!

Mauvillas.com
+39 02 94757308
Lun-Gio: ore 10-18 · Ven: ore 10-16

Mauritius Guida di viaggi

La guida di viaggio completa di Mauritius

Ambiente, flora e fauna

Mauritian Nature

L’isola di Mauritius è nota in tutto il mondo per le bellissime spiagge sabbiose e la luccicante acqua turchese che la circonda, ma l’isola ha molto di più da offrire. Si possono infatti trovare un’ampia varietà di paesaggi, fitte foreste pluviali, montagne imponenti, cascate gorgoglianti, una flora ed una fauna uniche al mondo.

Le Morne Brabant Mauritius Una vista spettacolare dell'incredibile spiaggia e di Morne Brabant.

Alcune delle zone più interessanti, lontane dalle spiagge, sono il Parco Nazionale Black River Gorges, la meravigliosa Terra dei Sette Colori e le stupende cascate di Tamarin e Rochester. Delle tante isolette che circondano Mauritius, Île d’Ambre e Île aux Aigrettes spiccano per la ricca biodiversità e per il loro status di aree protette.

Grazie all’enorme patrimonio naturale, questo paese è un paradiso terrestre per gli escursionisti. Possiamo infatti trovare percorsi di diversa difficoltà accompagnati da una vista incredibile sui paesaggi e circondati dall’Oceano Indiano.

Black River Gorges National Park Mauritius Una cascata mozzafiato nel Parco Nazionale delle Gole del Black River.
Seven Coloured Earths Chamarel Mauritius La terra dai sette colori è uno straordinario fenomeno naturale a Chamarel.

Paesaggio

Il paesaggio di Mauritius varia da regione a regione, ma le origini vulcaniche dell’isola sono sempre presenti. Dalle coste pianeggianti si passa ad un altopiano centrale che si innalza di circa 700 metri sopra il livello del mare. Sull’isola sono presenti inoltre dei picchi montuosi e rocciosi; campi di canna da zucchero si estendono su tutto il territorio. Non mancano infine i crateri dei vulcani e le bellissime spiagge su tutta la costa.

Beach and mountains, Mauritius La splendida spiaggia di Flic en Flac è una delle più lunghe di Mauritius.

A sud il terreno passa in maniera accentuata da una zona pianeggiante alle montagne rocciose del centro, mentre nel nord il passaggio dalla costa pianeggiante all'altopiano è più graduale. Questa regione è nota soprattutto per i campi di canna da zucchero, che una volta dominavano interamente il paesaggio. Tuttavia, al giorno d’oggi, non rivestono più un ruolo importante nell’economia di Mauritius e, di conseguenza, la prevalenza della canna da zucchero è calata.

Montagne

Nonostante non siano molto alti, i monti di Mauritius rappresentano un pittoresco e, allo stesso tempo, imponente contrasto rispetto al resto dell’isola. Il Piton de la Petite Rivière Noire è il monte più alto dell’isola, con un’altezza di 828 metri. Altre montagne notevoli sono Pieter Both vicino a Port Louis, Le Pouce (“il pollice”), il Corps de garde (accanto al Rose Hill) e il Piton du Milieu che si innalza al centro offrendo una vista meravigliosa su tutta (o quasi tutta) l’isola.

Pieter Both Mountain Mauritius Numerosi miti e leggende ruotano intorno all'incredibile forma del monte Pieter Both.

La montagna forse più famosa dell’isola è tuttavia Le Morne Brabant, a sud-ovest. Le Morne Brabant è famoso per la superficie rocciosa e scoscesa, in forte contrasto con l’estesa baia pianeggiante che si trova di fronte ad esso. La montagna è inoltre patrimonio mondiale dell’UNESCO per i suoi legami storici con la tratta degli schiavi su Mauritius. Gli schiavi fuggitivi usavano le grotte e le fessure del monte per trovare rifugio. Attualmente Le Morne Brabant rappresenta un memoriale in ricordo di tutte le vite che in un modo o nell’altro sono state colpite dalla tratta degli schiavi.

Le Morne Brabant Mauritius Questa imponente montagna è patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 2008.

I crateri vulcanici

Nonostante le origini vulcaniche, sono poche le testimonianze di questo periodo e si tratta perlopiù di crateri quali Trou Kanaka, Grand Bassin, Trou aux Biches e Bassin Blanc.

Grand Bassin Mauritius Il cratere del Grand Bassin è il più famoso luogo di pellegrinaggio hindi a Mauritius.

Fiumi e cascate

Grande Rivière Sud-Est è il fiume più lungo dell’isola e si unisce all’oceano a livello dell’Ile aux Cerfs, mentre gli altri fiumi, tra i quali il Rivière Noire, scavano delle gole profonde nel paesaggio.

Ma Mauritius è conosciuta soprattutto per le sue cascate situate in location spettacolari su tutto il territorio. Alcune di esse non sono facilissime da raggiungere, ma i panorami selvaggi che nascondono ripagano di tutti gli sforzi.

Le cascate Tamarin

Anche note come “Le sette cascate”, le Tamarin sono delle cascate uniche situate nella metà meridionale del paese e accompagnate da molteplici ruscelli che si incrociano e si uniscono, circondati da una vegetazione ed una fauna meravigliose.

Waterfall Tamarind Falls, Mauritius Le cascate di Tamarind sono composte da sette cascate più piccole si tuffano verso il basso in uno straordinario spettacolo naturale.
Le cascate di Chamarel

Le cascate di Chamarel sono le più alte di Mauritius con una caduta di circa 100 metri e sono circondate da un meraviglioso paesaggio selvaggio e roccioso. Questa vista incredibile è talmente nota da essere una delle mete di rito per i fotografi che visitano il paese.

Le cascate di Rochester

Le cascate di Rochester, tra le più selvagge dell’isola, si trovano nella zona meridionale di Mauritius. Le imponenti formazioni rocciose e le maestose cascate rendono questa meta particolarmente popolare per i turisti che amano i tuffi.

Waterfall Rochester Falls Mauritius Si può nuotare alle selvagge cascate Rochester Falls, immersi in uno scenario incredibile.
Le cascate di Alexandra

Le cascate di Alexandra, situate nel Parco Nazionale Black River Gorges, rappresentano una delle meraviglie del paesaggio mauriziano: esse attraversano, imponendosi con decisione, la vegetazione selvaggia della regione.

La costa

La barriera corallina si estende attorno a quasi tutti i 160 chilometri di costa, proteggendola e creando placide lagune di acqua calma e bassa su molte delle spiagge. La parte meridionale dell’isola presenta un numero maggiore di aperture nella barriera ed è perciò soggetta a correnti più forti rispetto al resto dell’isola.

Shallow Lagoon Mauritius Ci sono numerose spiagge meravigliose da scoprire a Mauritius.

Lungo le coste si trovano bellissime spiagge sabbiose, aspetto che ha reso Mauritius una destinazione turistica estremamente popolare. A costeggiare l’isola vi sono inoltre dei piccoli isolotti, tra i quali Coin de Mire, Île Ronde, Île Plate e l’Île aux Cerfs, meta turistica popolare nella zona orientale di Mauritius.

Flora e Fauna

Così come altre isole “sperdute” come le Seychelles o le Galapagos, anche Mauritius ospita una varietà unica di specie vegetali e animali, introvabili in altri posti. Purtroppo la presenza umana ha influito negativamente sull’ecosistema di Mauritius: in passato, gli animali furono usati dagli abitanti come cibo e gli alberi abbattuti per l’esportazione. La biodiversità dell’isola continua ad essere tuttora ricca, ma è giusto ricordare i danni causati dall’insediamento umano.

Fauna

Il dodo

Uno degli esempi migliori, o forse peggiori, dell’impatto dell’attività umana è forse rappresentato dal dodo, una specie di volatile estinta e che una volta prosperava su Mauritius. Nel corso dei millenni, la mancanza di predatori e una scarsa concorrenza avevano fatto sì che l’uccello avesse addirittura perso la capacità di volare nel corso della sua evoluzione. Quando i primi umani arrivarono a Mauritius, videro il dodo come una fonte di nutrimento. Ulteriori esemplari venivano mangiati da animali che i coloni introdussero sull'isola, come ratti e scimmie. Nel giro di duecento anni la popolazione di dodo si estinse.

Dodo Prima che gli umani si stabilissero a Mauritius, l'isola era la patria del Dodo.
Altre specie

Anche le testuggini e le tartarughe hanno subito in negativo l’impatto dell’uomo e le popolazioni di queste specie hanno sofferto enormemente. Le specie rare di volatili non si sono estinte tutte; si trovano infatti specie quali il gheppio di Mauritius, il parrocchetto di Mauritius e la colomba rosata, tutt’ora presenti sull’isola. Vi sono inoltre passeri, il pigliamosche del paradiso, le colombe e i fetonti, mentre altre specie sono state introdotte nel corso degli anni.

L’unica specie di mammiferi autoctona presente sull’isola è la volpe volante maggiore delle Mascarene. A causa dell’uomo, su Mauritius è possibile trovare scimmie, lepri e cervi. Per quanto riguarda i rettili, sono presenti solo alcune specie di serpenti non velenosi, e un tipo di sauro endemico, il leiolopisma telfairii (telfair skink).

Monkey, Mauritius Potete scoprire piccole scimmie come questa a Mauritius.

Il mondo sottomarino che circonda Mauritius continua a prosperare e le calde acque dell’Oceano Indiano forniscono le condizioni perfette affinché i coralli variopinti possano crescere. La tridacna gigante, spugne, anemoni e tutta una serie di pesci colorati, così come specie di taglia maggiore come polpi e anguille giganti, vivono tra i coralli.

Dolphins, Mauritius Delfini che nuotano nella baia.
Underwater World, Mauritius Le immersioni sono un'esperienza unica a Mauritius.

Flora

Il clima tropicale di Mauritius è ideale per molte specie vegetali; piante, fiori e frutti variopinti crescono in grande quantità. Banane, ananas, guava, mango e litchi sono solo alcuni dei meravigliosi frutti che crescono in questa zona: tra le specie floreali presenti sull’isola troviamo l’orchidea, l’anthurium, la plumeria, il lillà e la bougainvillea. La pianta probabilmente maggiormente presente sull’isola è la canna da zucchero, usata per ricoprire la maggior parte dei terreni arabili e che in passato rivestiva un ruolo importante nell’economia mauriziana.

Frangipane, Mauritius Fiore di Frangipani.
lychees-mauritius.jpg Gli alberi di litchi crescono in tutta Mauritius.

Così come è avvenuto per lo sfortunato dodo, i primi coloni strapparono all’isola gran parte della sua foresta pluviale, tagliando alberi di teak, ebano e colofonia ed esportandone il legno. Al giorno d’oggi, il Parco Nazionale Black River Gorges ospita la maggior parte degli alberi dell’isola, tra cui i comuni alberi di colofonia, che si dice risalgano a migliaia di anni fa. Tra le altre specie di alberi vi sono gli alberi di fico del banian, la casuarina e alberi da frutto.

Black River Gorges National Park Mauritius Alberi antichi sorgono nelle Gole del Parco Nazionale del Black River.

Gli sforzi per la conservazione

Il bellissimo giardino botanico Sir Seewoosagur Ramgoolam, nei pressi di Pamplemousses, è una delle attrazioni più popolari dell’isola, ma è anche importante per la tutela del territorio e la conservazione della flora. I giardini ospitano piante esotiche quali palme, alberi da frutto, alberi di ebano, spezie, ecc.

Pamplemousse Gardens, Mauritius Lo stupendo giardino botanico di Sir Seewoosagur Ramgoolam ospita numerose specie animali.
Pamplemousse Gardens, Mauritius Questa zona è una riserva naturale protetta e ospita numerose e affascinanti piante.

Un centro specializzato a Black River si prende cura degli uccelli dell’isola. Specie rare quali la colomba rosata e il gheppio di Mauritius vengono protetti e allevati per aumentarne il numero nelle zone selvaggie. Grazie agli sforzi del centro, centinaia di nuovi uccelli sono stati liberati negli ultimi quarant’anni.

Il governo mauriziano lavora da tempo per proteggere alcune parti del paese nominandole riserve naturali. Tra queste il Parco Nazionale Black River Gorges, l’Île aux Aigrettes e il Parco Nazionale Bras d’Eau.